10 segnali del tuo legame emotivo al passato

Puoi dirlo?

Sono emotivamente legato al passato. Quel legame al passato interferisce con la mia vita odierna di adulto.

Ho intervistato diversi terapisti prima di entrare in terapia 30 anni fa e ho accettato di lavorare con loro a una condizione: NON parliamo del mio passato.

Uno di loro mi ha chiesto: “E se il tuo passato influisse sulla tua vita di oggi?”

“E se non fosse cosi?” Ho risposto di getto. “Abbiamo passato del tempo a parlare di cose senza importanza. O puoi aiutarmi a sentirmi meglio o no, possiamo fare in questo modo? “

Ha rifiutato.

Avevo 23 anni, quindi è comprensibile. In effetti, dal punto di vista dello sviluppo, ha senso che i ventenni si allontanino dal passato, ostinandosi verso il futuro.

Man mano che invecchiamo, acquisiamo esperienza e ci stabiliamo nella vita adulta, tuttavia, diventa importante per la maggior parte delle persone smettere di negare l’impatto che ha il legame al passato e lasciarsi andare a costruire.

Non puoi lasciare andare ciò a cui non ti rendi conto di esserti aggrappato.

Quindi, diamo un’occhiata ai segnali di un passato che ancora intossica il presente. Ecco i primi 10 segnali che a mio modo di vedere indicano che sei attaccato alla negatività nel tuo passato:

  1. Non ne parlerai.
    Se sei consapevole del positivo e del negativo nel tuo passato, non ti crea problemi discuterne, quando e dove appropriato.

Il tuo partner, terapista, buoni amici e parenti che si prendono cura di te … queste sono tutte persone con cui potresti condividere il tuo passato e le lezioni apprese.

  1. Spesso ritornano quei vecchi sentimenti che conosci.
    Vaghi sentimenti di dolore e afflizione, risentimento e paura perseguitano ancora le persone che sono attaccate al passato. Questi sentimenti irrisolti possono fare capolino in qualsiasi momento, in risposta a una situazione esterna o ai tuoi pensieri.

Per me era una costante, nauseabonda sensazione di terrore nello stomaco, come se qualcosa stesse per andare storto, continuamente. Indipendentemente dal mio successo, mi sentivo ancora a disagio per la maggior parte del tempo.

Probabilmente hai molta familiarità con questi sentimenti, poiché sono stati con te a lungo. Non se ne andranno finché non ti sarai messo emotivamente in equilibrio con il passato.

  1. Non puoi essere te stesso con la tua famiglia di origine.
    Quando visiti la famiglia, trattieni ciò che sei, conformandoti alle vecchie aspettative della famiglia. Ciò può comportare di restare in silenzio, recitare o evitare argomenti di cui normalmente ti piacerebbe parlare. Il punto è che agisci in modo diverso o senti di non poter essere chi sei nella vita di tutti i giorni.

È un segno che ti stai conformando alle vecchie aspettative, di solito per paura della disapprovazione, della critica o del ridicolo.

  1. Temi la disapprovazione in generale.
    A volte la disapprovazione della famiglia si generalizza. Quando succede, proietti la tua paura della disapprovazione sulle altre persone; amici, partner e persino estranei.

Questa paura generale di disapprovazione ha radici nella dinamica familiare d’origine.

  1. Reagisci con tuoi figli come hanno fatto i tuoi genitori con te.
    Fin troppo comune, trattiamo i nostri figli nel modo negativo in cui siamo stati trattati. Sorprendentemente, possiamo persino riconoscerlo quando accade, sapere che è sbagliato ma farlo anche noi. Guarda quanto può essere influente il passato.
  2. Hai sposato il tuo genitore del sesso opposto.
    Non letteralmente. Nella maggior parte dei casi, le persone sposano qualcuno che si comporta come il genitore del sesso opposto. Se papà era emotivamente non disponibile, una giovane donna sposa un uomo emotivamente non disponibile.

Se la mamma era fredda e distante, il giovane uomo sposa una giovane donna fredda e distante.

Questi sono segni che stai ancora cercando di risolvere la vecchia situazione familiare attraverso la tua vita presente. Così spesso, giustifichiamo questa scelta dicendoci: “Posso cambiarlo / la”.

  1. Reprimi le emozioni.
    Gli esseri umani sono creature emotive per natura. Quando quelle emozioni sono scomode, tendiamo a bloccarle nella loro espressione, pensando di poter evitare il dolore.

Questa strategia fallisce. Quando reprimi le emozioni, ti ci aggrappi. Quando le esprimi completamente, è più facile lasciarle anche andare. Negare, ignorare e reprimere le emozioni negative crea un attaccamento a quelle emozioni.

  1. Non sai controllare i tuoi impulsi.
    Gli impulsi provengono dalle emozioni. Quando hai emozioni represse in agguato sotto la superficie, reagisci comunque a esse. È come portare in giro un serbatoio di carburante che aspetta solo una scintilla per prendere fuoco.

Gli animi fuori controllo, l’ansia e altre reazioni impulsive derivano da emozioni irrisolte. Ciò porta a decisioni sbagliate, comportamenti di dipendenza e rimpianti.

  1. Ti senti limitato in qualche modo ma non riesci a capire perché.
    Quando la famiglia di origine è emotivamente opprimente, a volte stabiliamo regole rigide per noi stessi che ci creano limiti.

Non divorzierò mai, non importa cosa sta succedendo.
Non parlerò mai in pubblico.
Non mi fiderò mai di nessuno.
Terrò sempre un basso profilo.
Devo andare sul sicuro nella vita.

Vogliamo che queste regole ci proteggano, ma possono finire per tagliare le scelte più sane da adulti. È interessante notare che queste regole possono determinare le nostre scelte, che ne siamo consapevoli o meno.

  1. Ripeti gli stessi errori più e più volte.
    Ripetere gli stessi errori più e più volte è un segno certo a un attaccamento negativo. Prendere ripetutamente le stesse decisioni sbagliate è una grande bandiera rossa che qualcosa di negativo nella tua storia ti sta ancora influenzando, attirandoti verso ciò che ti influenza .

Hai bisogno di rivivere il passato per guarire?
No. Sebbene alcune persone traggano beneficio dall’esperienza emotiva dei ricordi del passato, la chiave per la guarigione è fare nuove scelte oggi.

Devi riconoscere l’influenza del passato e imparare come ti sta ancora influenzando. Solo allora puoi prendere decisioni consapevoli che ti portano in una direzione nuova e diversa.

Uscire dalla negazione dell’influenza del passato è un enorme ostacolo. Solo una piccola percentuale della popolazione ha davvero collegato i puntini ed è diventata qualcuno che vive oltre le vecchie aspettative familiari.

Questo non significa che il processo sia complicato. Non lo è. L’ego della maggior parte delle persone si mette semplicemente di mezzo.

Non permettere che la negazione ti impedisca di riconoscere l’influenza negativa del passato, o potresti non andare oltre.

Se ti piace questo articolo, metti mi piace alla nostra pagina Facebook per tenere il passo con tutti i post della scuola o dai un’occhiata ai nostri corsi di formazione qui.