Odio la mia vita! Una storia di trasformazione profonda


I grandi leader hanno un forte senso di responsabilità personale nella vita, nelle proprie azioni e per ciò che dicono.

Non puoi guidare nessuno (ancor meno te stesso) quando odi la tua vita. Per la maggior parte di noi, odiare la vita è una posizione vittimistica fin troppo familiare.

Ecco come una storia di trasformazione può cambiare tutto.

“Mi svegliavo ogni giorno con quel dialogo disgustoso che mi passava per la testa.

Odio la mia vita. Odio la mia vita! Odio la mia vita…!

Questa musica andò avanti per anni. Ed era vero. Odiavo la mia vita. Tuttavia, non mi piaceva iniziare così ogni nuova giornata.

In effetti, odiavo questo rituale mattutino tanto quanto qualsiasi altro elemento della mia vita. Alcuni giorni giacevo a letto per mezz’ora dopo essermi svegliato, troppo depresso per alzarmi dal letto e affrontare la giornata.

Alla fine, mi sarei reso conto che se non mi fossi alzato e avessi fatto qualcosa, avrei avuto ancora più motivi per odiare la vita.

Onestamente, era confuso.
Mi sarei potuto dire che non avevo niente per cui odiare della mia vita. Chiunque guardasse dall’esterno avrebbe visto che avevo tutti gli elementi basilari per star bene. Nessuna emergenza. Niente guerre. Benessere. Ero fortunato, davvero.

Avevo bisogno di “lasciar andare tutto e andare avanti”. Eppure, la mattina dopo, la musica ricominciava.

Ora mi sveglio, quasi tutte le mattine mi sento molto bene, di buon umore e non vedo l’ora di fare quello che faccio durante il giorno. Di notte, la maggior parte delle volte mi sento soddisfatto e dormo come un bambino.

Cosa è cambiato?
Tutto.

Dieci anni dopo, una relazione diversa, una carriera diversa, un orientamento religioso diverso, una casa diversa in una città diversa, guido un diverso tipo di auto e ho passioni differenti. Mangio cibo diverso, indosso abbigliamento diverso e leggo libri diversi. E sono più prospero che mai, finanziariamente.

Soprattutto, sono diverso all’interno. Ed è per questo che scrivo questo, in modo che possa capire che può succedere anche a te.

Come ho smesso di odiare la mia vita:
In poche parole, ho abbandonato il mio attaccamento alla miseria e ho smesso di cercarlo. Certo, se mi avessi chiesto dieci anni fa se fossi in cerca di sofferenza, l’avrei negato con veemenza. Chi cerca la sofferenza? Eppure, questo è esattamente ciò che stavo facendo. Non me ne rendevo conto, ma mi aggrappavo alla sofferenza come se fosse la mia unica compagna
.

Come restavo attaccato alla miseria?

• Ho ignorato tutte le bandiere rosse d’allarme e ho sposato la persona sbagliata.
• Ho ignorato i dubbi significativi sulla mia religione e ho finto di credere.
• Ho negato che la mia infanzia abbia avuto impatto su di me.
• Desideravo ardentemente l’approvazione di persone che non mi avrebbero mai approvato.
• Sono rimasto assolutamente fedele a cose che mi hanno reso infelice.
• Ho montato una facciata che mi suggeriva di non avere alcun problema.

Questo è stato il meccanismo. È così che sono rimasto attaccato a una vita che odiavo. È così che ho tenuto viva e forte la mia infelicità.

E sai cosa? Negli anni successivi, quando ho intervistato centinaia di clienti nella mia pratica di coaching personale, ho capito che non ero solo. Questo è davvero comune e spaventoso”.

Meglio ancora, ti dico che non è necessario. Non devi sentirti intrappolato in una vita che odi. Ci sono altre opzioni disponibili per te. Tuttavia, queste opzioni non ti sembreranno praticabili fino a quando non ti rendi conto di cosa sta realmente accadendo dentro di te e dai uno STOP all’auto-sabotaggio. VUOI capire le tue motivazioni quando non scegli la felicità.

Perché le persone non scelgono la felicità?
Se sai cosa potrebbe renderti felice, perché non lo fai e basta?

Sai che perdere una certa quantità di peso ti farebbe sentire bene. Eppure, non mangi bene o non ti alleni regolarmente.

Sai che dare il 110% ogni giorno al tuo lavoro ti darà le migliori probabilità di successo e prosperità, eppure trovi dei motivi per procrastinare.

Sai che passare più tempo con la tua famiglia, i tuoi amici o i tuoi cari porterà pace nel tuo cuore, eppure li sacrifichi.

Sai che una pratica spirituale di qualche tipo ti connetterà a qualcosa di più grande di te, eppure non ti prendi il tempo per farlo.

Comprendi che affrontare i problemi e le persone è necessario per trovare sollievo dallo stress, ma eviti quei problemi e le persone, in un modo o nell’altro.

Sai che essere onesto riguardo ai tuoi sentimenti e i tuoi bisogni porterà a relazioni migliori, eppure non parli.

E così via. Scommetto che puoi scrivere una lista di ciò che potresti iniziare a fare oggi per migliorare la tua vita. Perchè invece non succede?

La risposta è scioccante. Eppure, NON è così scioccante come l’enorme quantità di sofferenza inutile che la gente attrae su di sé ogni singolo giorno.

Ecco la verità : inconsciamente, resisti genuinamente a migliorare la tua vita, perché ciò significa che dovresti abbandonare i tuoi problemi. I tuoi problemi sono così familiari che non sai chi o cosa faresti senza. Dal momento che non sai cosa vuol dire vivere una vita appagante, ti aggrappi alla sofferenza come se fosse il tuo migliore amico. Abbandonare l’angoscia – lasciarsi andare – è terrificante. E non sembra nemmeno possibile.

Lasciar andare significherebbe liberare rancore, biasimo, risentimento, autocritica, paura e ogni sorta di bagaglio emotivo che è diventato parte della tua identità. Il tuo subconscio è programmato per questi stati familiari e negativi. Si manifestano in automatico attraverso attaccamenti negativi. E non devi neanche provarci – le cose brutte ti capitano dentro come se fosse l’unica realtà esistente.

Certo, è tutto falso.
Tu non sei il tuo bagaglio emotivo. Sei capace di diventare molto di più, se sei disposto a investire lo sforzo ed espandere la tua consapevolezza. Puoi farlo se ti alleni a come gli attaccamenti negativi prendono il sopravvento sulla tua mente e ti convincono a cedere, arrenderti e accettare la sconfitta.

Inizia a conoscere gli attaccamenti e il profondo auto-sabotaggio. Apri la tua mente e il tuo cuore per prenderti sul serio. Queste intuizioni possono aprire la strada verso una vera trasformazione se apri qualche spiraglio su ciò che sta realmente accadendo dentro di te.

Dai un occhiata qui ai nostri percorsi di crescita personale