Devi essere certificato per essere un Life Coach?

life coaching

Devi essere certificato per essere un life coach?
La semplice risposta è No.

A differenza dei consulenti per la salute mentale, il life coaching non è (attualmente) regolamentato da alcuna organizzazione governativa negli Stati Uniti. (Controlla le normative locali se non vivi negli Stati Uniti). I consulenti devono superare gli esami di licenza statale e ricevere una licenza di consulenza prima di poter accettare legalmente i clienti.

I Life Coaches devono solo identificarsi come tali. Fintanto che un life coach non pretende di trattare condizioni di salute mentale (diagnosi cliniche come PTSD, Disturbo Depressivo Maggiore o Disturbo d’Ansia Generalizzato), è libero di fare coaching senza licenza o supervisione.

La maggior parte dei life coaches accettano la mancanza di regolamentazione del settore life coaching. Anche molti consulenti tradizionali optano per lasciare l’ambito della salute mentale e diventare coaches. La libertà di praticare liberamente sta facendo crescere il settore a passi da gigante.

Ma probabilmente dovresti comunque essere certificato e accreditato come life coach.

Devi essere certificato per essere un life coach? No, ma … sì!

Ecco sette motivi per cui certificarti:

  1. La certificazione implica una formazione professionale. Anche se hai il dono naturale di lavorare con le persone, dovresti conoscere il set di abilità specifiche che definisce il life coaching. Trasformerà il tuo dono naturale in uno strumento non comune che cambia la vita delle persone.
  2. Colleghi. Ottenere la certificazione come life coach, se si sceglie una buona organizzazione per certificarsi, consente di incontrare altri coaches.

Da queste relazioni derivano maggiori opportunità di creare reti e costruire il tuo business, più di quanto la maggior parte delle persone possa ottenere diversamente.

  1. Il tuo sviluppo personale. I buoni centri di life coaching chiedono ai loro studenti di lavorare su se stessi. Presso il Centro iNLP, applicherai personalmente ogni tecnica di PNL o di coaching prima di utilizzarla con volontari o clienti. Questo fa la differenza quando ti metti nel mercato e fai prima pratica come life coach.
  2. Mentoring. Alcuni life coaches hanno ottimi mentori. Avere persone a cui rivolgersi per avere risposte sulla propria attività di life coaching, sul mercato o sulla supervisione con i clienti è una risorsa inestimabile.

(Quando ti iscrivi al Centro iNLP, hai a disposizione mentori gratuiti a vita.)

  1. Una credenziale potrebbe essere la sicurezza. Anche se il mercato del life coaching non è regolamentato al momento, un giorno potrebbe esserlo. Se e quando ciò accadrà, il coach con credenziali potrebbe avere migliore possibilità di essere affiliato da una regolamentazione nazionale.
  2. Le credenziali aggiunte non fanno mai male. A questo punto, essere certificati come life coach sarà sufficiente per darti le abilità per esercitare. Avere una credenziale aggiuntiva a supporto (come ICF ACC Credentialed Coach) può solo aiutare la tua credibilità professionale e non danneggiarla mai.
  3. Impulso del mercato. I coaches accreditati sono membri di un’organizzazione e restano fedeli alle best practice, alle ricerche più recenti e agli aggiornamenti del settore.

Devi essere certificato per essere un life coach?
In definitiva è una domanda alla quale solo tu puoi rispondere. Il life coaching è ora un settore da miliardi di dollari che continua a crescere. Certificazione e credenziali stanno diventando la norma. Il buon senso suggerisce che, man mano che il campo del coaching matura, le norme si trasformeranno in leggi. Vuoi essere un life coach che ha ignorato ciò che può essere fatto per tempo?

Al di là del buonsenso e delle pratiche commerciali intelligenti, se non si ottiene formazione come life coach, ti stai perdendo il miglior set di abilità interpersonali mai sviluppato.