Scopri i 5 passaggi per lasciar andare le credenze limitanti

Niente è meglio di questo scenario per descrivere gli effetti delle convinzioni limitanti.

Immagina di guidare lungo una strada di campagna. Improvvisamente, la strada arriva a una “T” – un incrocio a tre vie che richiede di girare a sinistra o a destra.

Alzi lo sguardo e noti il ​​segnale stradale più sconcertante.

Il cartello dice:

Non puoi girare a sinistra o sarai in pericolo.

Non devi girare a destra o rischiare lesioni gravi.

Non puoi stare dove sei!

NON DEVI tornare indietro!

Fai qualcosa in fretta! A quel punto come puoi sentirti?

Confuso, bloccato, paralizzato, impaurito, frustrato …

Ti senti così perché è importante uscire da questa situazione, ma non ci sono opzioni praticabili.

Per fortuna, non incontrerai mai un segnale stradale come questo. Le strade che hai intorno hanno lo scopo di portarti in sicurezza a destinazione.

La tua mente, d’altra parte, è un essere completamente diverso. Questi tipi di segnali stradali appaiono continuamente nella tua psiche sottoforma di credenze limitanti.

Peggio ancora, non è nemmeno necessario notarli consapevolmente per rispondere emotivamente a queste direzioni contrastanti. Il risultato finale è provare panico ed estrema frustrazione senza saperne perché.

Ci sono buone notizie, comunque. Puoi scoprire e modificare la segnaletica stradale della tua psiche.
Questo post ti mostrerà come fare.

Le direzioni inconsce sono spesso basate su credenze o ipotesi. Queste ipotesi, una volta comprese, possono essere messe in dubbio. Quando vengono correttamente risolte, puoi liberarti e procedere verso la destinazione desiderata.

Ecco un esempio di come funziona:
Una sera tardi, ci stavamo giusto preparando a casa per guardare un film. All’improvviso apparve nostra figlia Morgan.

“Hannah sta andando fuori di testa”, ha riferito. Morgan e Hannah sono gemelle che hanno recentemente compiuto 13 anni.

Hmm. Nessun riposo per il genitore stanco …

Quando sono arrivato, Hannah era seduta sul suo letto, stringeva il cuscino.

“Cosa sta succedendo, Hannah?” Ho chiesto.

“Niente! Bene, proprio … niente. Non lo so, papà! “

Ho messo in pausa il film al piano di sotto, rimandando l’eccitante mondo di James Bond.

Mi sono seduto sul pavimento vicino a Hannah. Può essere allettante per i genitori dire egoisticamente ai bambini di “andare oltre o lasciar perdere”. Ma questo raramente funziona. Ciò sarebbe come dire all’autista sfortunato nello scenario rappresentato all’inizio del post che non ha più benzina in serbatoio.

I bambini supererebbero tutto se avessero un’opzione. Ad Hannah non piaceva sentirsi bloccata, ma onestamente non aveva scelta. Quindi, ho aspettato li accanto senza dire una parola.

Alla fine ha confessato: “Devo pulire subito la stanza o non riuscirò a dormire”.

“Oh. È semplice. Puliscila.”

“No, non capisci, papà! È tardi e ci vorrà un’eternità e domani c’è scuola. Ora devo andare a letto. “

Mi sono guardato intorno, nella stanza. Caos enorme.

“Oh. Bene, vai a letto e non preoccuparti “, ho dato questa possibilità d’uscita. “Puoi pulire la tua stanza domani.”

“Papà! Ti ho già detto che non riesco a dormire in una stanza disordinata! Mi farà impazzire tutta la notte. “

Hannah era più che semplicemente agitata ora. Era anche seccata dalla mia risposta così stupida per lei.

Sentivo il film di James Bond scivolare via …

Certo potevo dirle per favore, riprenditi e smettila di fare la regina del dramma. Se solo sapessi cos’è il vero stress!

Ho resistito a questa risposta con tutte le mie forze, ho fatto un respiro profondo e mi sono sistemato per il lungo raggio.
“Ok, Hannah. Sembra che tu stia attualmente credendo in due cose separate. E queste due credenze si scontrano nella tua mente e ti fanno prendere dal panico. “

“Huh?”

“Si. Da un lato, credi di dover pulire la tua stanza, giusto? Questo è SUPER importante affinché tu possa persino dormire “, dissi.

Ho continuato, “D’altra parte, credi di NON poter pulire la tua stanza perché sei esausta e ci vorrà tutta la notte. Ad ogni modo. Non riuscirai mai a dormire. “

Ciascuno dei seguenti esempi è una trappola dentro una credenza:
Devo rompere questa relazione o non sarò mai felice.
Non sarò mai in grado di stare da solo.

Devo perdere peso.
Non posso fare quello che devo fare per perdere peso.

Devo riuscire nella vita.
Non sono abbastanza bravo per riuscire.

Una delle credenze in ogni scenario deve essere modificata o abbandonata per andare avanti.

Cosa fai quando “non puoi” rinunciare a convinzioni limitanti?
Alcune credenze limitanti sono profonde. Dovrai scavare molto più in profondità per sradicarle. È qui che può essere utile un processo semplice e sorprendente tratto dalla psicologia positiva. In realtà l’ho imparato di recente da Lori Deschene di TinyBuddha.com e l’ho applicato a una delle mie convinzioni limitanti.

Si chiama processo A-B-C-D-E. Di recente l’ho usato per superare la convinzione di non poter scrivere un libro. Per 20 anni, ho avuto l’obiettivo di fare qualcosa di più che scrivere brevi articoli, ma mettere insieme le mie migliori idee in un lavoro che avrebbe aiutato le persone ancora di più.

E per 20 anni sono rimasto sopraffatto dall’idea. Mi sono detto: “Non posso farlo. Non è per me me. Mi porterà via mesi, non finirò mai. Sarà una grande perdita di tempo e nessuno lo acquisterebbe comunque. È troppo difficile diventare un autore affermato. “

Non era la cosa più utile da ripetere a me stesso, lo so. Una volta appreso il processo A-B-C-D-E, tuttavia, qualcosa è scattato. Mi sono reso conto che stavo guardando il libro e stavo scrivendo tutto sbagliato.

Di seguito è riportato uno schema di come appare il processo, con il mio esempio particolare incluso. Puoi inserire la tua convinzione limitante quando lo fai su te stesso.

Scrivi in ​​colonna le seguenti parole:
processo di credenze limitanti

1. Avversità:

2.Credenza:

3.Conseguenze:

4.Obiezioni:

5. Energizzazione:

Quindi, elabora la convinzione limitante con i seguenti 5 passaggi:

  1. Indica l’ostacolo
    Voglio scrivere un libro, ma in 20 anni non sono mai stato in grado di farlo. Sono molto scoraggiato, ma ancora non riesco a lasciar andare questo obiettivo.
  2. Identificare la convinzione limitante
    Per me è stato: non posso farlo. Sarà una grande perdita di tempo perché non finirò mai un progetto così lungo e travolgente.
  3. Essere consapevoli delle conseguenze:
    Se tengo questa convinzione io …

• Non proverò nemmeno a scrivere un libro

• Sarò di mentalità chiusa su molto altro

• Non mi sono mai aperto a modi creativi per farlo

• Non ho mai chiesto a qualcuno come potrei rendere il processo divertente e produttivo

• Non ho mai avuto contatti con altri autori per sapere come hanno fatto loro

• Non ho prestato attenzione alle ultime tendenze nell’editoria indipendente

• Faccio dozzine di ipotesi su editori e marketing – e tutte queste ipotesi mi portano a rifiutare l’idea di scrivere un libro

• Non ho mai considerato opzioni adatte al mio stile di scrittura, come la produzione di un libro breve e mirato e la vendita economica

• Non dedico mai tempo a lavorare al progetto

• Sto sempre male con me stesso quando considero l’idea

  1. Contestare la credenza
    Sono arrivato alla conclusione che mi stavo immaginando di scrivere Moby Dick! Avevo in mente un’idea di vecchia scuola, che mi sarei immolato sulla tastiera per mesi o anni, cercando di produrre un capolavoro leggendario.

Il mondo dell’editoria è cambiato radicalmente. Riesco a scrivere un breve e dolce e-book e farlo in tempi relativamente brevi. Posso venderlo a buon prezzo. Servirà come introduzione alle idee fondamentali di cui sono appassionato. Posso farlo!

In effetti, scrivere un breve libro è a pochi passi oltre la scrittura di alcuni degli articoli più lunghi che produco regolarmente.

  1. Energizza
    Con questo piccolo progetto in mente, ora sono entusiasta di iniziare!

I risultati della contestazione e dell’abbandono della mia vecchia convinzione e di tutti i presupposti che ne sono derivati ​​sono stati sorprendenti. Ho finito la mia prima bozza in soli tre giorni. Quindi l’ho inviato a redattori chiave, miei colleghi che erano più che disposti a esaminarlo e dare suggerimenti. In 30 giorni, è stato completato!

Soprattutto, con una mentalità aperta, ho trovato un modo molto creativo per consegnare il messaggio che rende unico questo libro.

Se vuoi imparare a lavorare sulle credenze che ancora ti limitano, se sei interessato ai corsi di crescita personale o adiventare un life coach visita la nostra scuola!