5 passi per gestire parti di te che più odi

Ci sono parti di te che odi?

Per alcuni, si tratta di parti fisiche. Odi il naso, le labbra, le cosce, la pancia o le caviglie perché credi che siano davvero brutti.

Per altri, una parte di se sta rovinando le cose. Odi il tuo critico interiore o la parte di te che vuole solo mangiare patatine tutto il giorno.

Ci sono parti gelose, parti arrabbiate, parti spaventose, parti di controllo, parti preoccupanti e parti che semplicemente non coopereranno con i tuoi desideri migliori.

Queste parti non sembrano preoccuparsi di nulla.

È interessante notare che odiare le tue parti fisiche proviene comunque da una parte autocritica di te. Questi aspetti in agguato della tua identità sono l’origine di tutta l’angoscia.

Certo, non hai davvero parti interne distinte. Ma sembra invece sia così. È come se qualche mostro interiore fosse lì dentro a creare il caos, tentando di distruggere la tua felicità “a prescindere”.

Molte persone vogliono annientare queste parti. Sbarazzarsi di loro!

Non funziona in questo modo.

Queste parti sono più furbe e più determinate di te. C’è una tonnellata di energia e intelligenza in queste parti. In questo post, discuteremo dell’origine di queste parti insidiose e di come iniziare il processo di risalita.

Sì, puoi farcela. Se ci lavori, arriverà un giorno in cui il tumulto interiore sarà… sparito. Lo so perché ci sono passato e ho aiutato molti altri a fare lo stesso.

L’inizio di tutto …

È iniziato quando eri un bambino. Quando sei stato maltrattato, hai sbagliato. Ti sei arrabbiato o addirittura eri ostile.

Potresti essere stato punito per aver espresso la tua infelicità e dolore. Potresti essere stato ignorato o umiliato quando avevi più bisogno di essere amato. Di conseguenza, hai imparato a reprimere tutto il dolore. L’hai fatto mentalmente e fisicamente.

Mentalmente, potresti aver adottato le parole degli altri e averle applicate a te stesso.

Smetti di piangere piccolo bambino.
Superalo adesso.
Te lo meriti, quindi smetti di piagnucolare.
Piangere non aiuterà.

Imparando a raccontarti queste cose, hai reso impossibile esprimere il tuo dolore.

Fisicamente, hai fermato il flusso naturale di energia emotiva nel tuo corpo. Quando stai male, la sensazione vuole uscire. Può iniziare nella pancia, spostarsi verso l’alto attraverso il petto, la gola e il viso, quindi fuori dagli occhi. Le lacrime sono il risultato finale.

Quando permetti all’energia di fluire in questo modo, la purifichi attraverso il corpo e, alla fine, ti senti meglio.

Quando non va bene esprimere, stringi i muscoli per fermare il flusso di energia emotiva. Stringi il petto, le spalle, la gola e gli occhi per tenere a bada il dolore.

Questo serve a intrappolare il dolore nel tuo corpo.

A meno che e fino a quando non lo esprimi, il dolore rimane li. Il risultato è stress e tensione cronici. Peggio ancora, ormai ti sei convinto che esprimere le tue emozioni è sbagliato. Potresti non esserne nemmeno consapevole per la maggior parte del tempo.

Così nasce una parte subcosciente, altamente emotiva. Una parte di te che si agita lì dentro che è piena di negatività e dolore. Questa parte oggi ti ostacola perché hai perso completamente il contatto con lei.

Dal momento che non la capisci, odi questa parte di te perché ti sconvolge la vita. Questo odio non fa che aumentare il dolore.

Per iniziare ad andare oltre questo circolo vizioso, leggi i 5 passaggi elencati di seguito:

  1. Smetti di combattere.
    Più di ogni altra cosa, lo stress viene dalla battaglia in corso nella tua mente. So che sembra che arrendersi permetterà a quella brutta parte di prendere il controllo e gestire la tua vita. Ma è vero il contrario.

Combattere questa parte di te è ciò che gestisce la tua vita.

Terminare la guerra aprirà nuove opportunità per scoprire perché questa parte esiste e ti consentirà di iniziare a negoziare risultati più favorevoli. Questo è solo il primo passo.

2. Aprire le linee di comunicazione.
La tua missione è quella di fare amicizia con questa parte di te. Dopo tutto, sei tu.

Nessuno ha mai avuto compassione per questo aspetto profondo della tua personalità e probabilmente non lo farà mai. Questo è il tuo compito adesso.

Puoi iniziare scusandoti con questa parte per averla odiata così tanto. Se sei resistente a fare questo, allora puoi semplicemente mettere per essere nemico di questa parte, per sempre. Sai già com’è!

Parla a te stesso gentilmente. Parli sempre a te stesso! Perché non farlo consapevolmente e con compassione?

3. Considera questa verità impossibile.
La verità impossibile è che da quando ti sei abituato a vivere con lo stress e la negatività, potresti non volerci nemmeno rinunciare. In effetti, potresti trovarlo pure piacevole.

Chi saresti senza questa angoscia? È difficile da dire, no? Spesso ci aggrappiamo a ciò che sappiamo piuttosto che prendere una strada più felice nella vita. Perché? Perché è quello che sappiamo.

Quindi, potresti ritrovarti con tutti i buoni motivi per non dover leggere questi passaggi:

E’ stupido
Non funzionerà mai.
È troppo profondo.

Queste sono tutte bugie pensate per tenerti comodamente dove sei.

Questo NON è stupido. Ignorare il tuo dolore è un modo non troppo intelligente di fare resistenza.

Questo funziona. Non fare nulla è la garanzia del fallimento.

Questo è un processo graduale che può richiedere del tempo, ma ogni passaggio è chiaro e semplice.

  1. Scopri cosa vuole di positivo questa parte.
    La tua parte non vuole davvero rovinarti la vita, ma è felice di farlo fino a quando non la affronti. È come un cucciolo trascurato. Dopo un po ‘inizia a lacerare le cose perché non sta ottenendo alcun amore, attenzione o disciplina.

Una volta che smetti di combattere questa parte, languendo nel dolore e apri le linee di comunicazione, nuove possibilità diventano reali.

Soprattutto, puoi considerare di cosa ha davvero bisogno questa parte perduta e dimenticata di te. Non ho mai trovato una parte di nessuno che alla fine non desiderasse qualcosa di positivo:

Essere amato.
Giocare di più.
Essere ascoltato.
La libertà.
Sentirsi al sicuro.

Questi sono risultati meravigliosi. È probabile che, quando eri giovane, non avevi gran parte di quanto sopra. Questa parte di te è stata la custode di questi desideri perduti. Sii grato per questo!

2.Vivere coscientemente con questa parte per un periodo di tempo.
Molti “interventi sulle parti”, come il Reframe in 6 fasi della PNL, suggeriscono che puoi semplicemente darle cose nuove da fare e sarà d’accordo e seguirà l’esempio. Insegniamo il Reframe in 6 fasi nella nostra formazione per Master della PNL. È uno dei modelli più utili e universali di risoluzione dei problemi interni.

Ancora. Ho scoperto una soluzione più profonda, ancora più integrata, poiché ho lavorato con molti clienti nel corso degli anni. Lo chiamo, il vivere consapevolmente con le tue parti.

Ecco un esempio di come funziona:
L’obiettivo di Debbie è di allenarsi cinque volte alla settimana. Sa che le darà più energia e l’aiuterà a sentirsi meglio con se stessa.

Ogni sera, quando arriva il momento di allenarsi, si rende conto di quanto si senta letargica e trova doverse scuse per rimandare. Quando la sera finisce, Debbie è piena di risentimento per essersi delusa di nuovo.

Sapeva che si sarebbe sentita meglio subito dopo essere saltata sull’ellittica e aver messo un po ‘di musica, ma la letargia era così travolgente che ha ceduto e ha continuato a navigare in Internet o a guardare la televisione.

Dopo aver aperto la comunicazione con questa “parte super letargica”, Debbie ha scoperto una serie di eventi a cui non aveva più pensato da decenni.

Quando era più giovane, suo padre era molto critico. Si è scoperto che spesso quando Debbie pensava di aver fatto qualcosa di buono, suo padre ha criticato quegli sforzi.

Quando ebbe la promozione in matematica, la materia più difficile per lei , fu sollevata e orgogliosa di se stessa. Quando il padre vide la pagella, le disse che una B non è una A, proprio come una F non è una A.

Quando Debbie faceva del suo meglio per pulire in cucina, suo padre passava e mandava via con i piedi tutto lo sporco rimasto, chiedendole se fosse cieca.

Quando il padre ha scoperto un messaggio d’amore di un ragazzo che le piaceva da tempo, le diede della poco seria.

Di volta in volta, quando Debbie si sentiva eccitata, felice, orgogliosa o creativa, il padre la rifiutava. Questo, ovviamente, fa male!

Senza sfogo per il dolore, Debbie lo soppresse, combattendo le emozioni con tutte le sue forze.

All’età di 38 anni, Debbie aveva da tempo dimenticato tutti quegli incidenti, ma erano vivi e vegeti in questa parte super letargica.

Questo ha senso adesso?
Ora, quando Debbie vuole rimettersi in forma e sentirsi di nuovo orgogliosa di se stessa, questa parte di lei la travolge di letargia, come per dire: “Non ha senso tutto ciò – porta solo al rifiuto! ”

Quando Debbie l’ha capito, la sua vita è cambiata. Era piena di compassione per questa sua parte trascurata. Per integrare il vero cambiamento nella sua vita quotidiana, ho dato a Debbie le seguenti istruzioni:

Voglio solo che provi a lavorare quando sia tu che questa parte siete pronte a lavorare insieme.

In altre parole, non cercare di scappare e lasciare indietro questa parte di te. Tornerà solo a disturbarti.

Quindi, ogni sera, Debbie si è seduta per alcuni minuti di riflessione prima di provare a lavorarci su. Si metteva in contatto con la sua parte letargica e divecare: “Voglio allenarmi, ma non lo farò a meno che tu non sia d’accordo.”

Avrebbe inevitabilmente ricevuto obiezioni e preoccupazioni che doveva risolvere. Doveva rassicurarsi che nessuno era li per criticarla; che sentirsi bene va bene ecc … Più volte, ha interrotto il processo per piangere.

libertà emotiva… finalmente libertà emotiva …
Nel giro di un mese, tuttavia, Debbie si allenava con costanza e si sentiva finalmente più al sicuro che mai. La cosa divertente era che non si era mai accorta di sentirsi insicura, non fino a quando non si era lasciata alle spalle la letargia e aveva davvero comunicato con se stessa.

Niente più auto-sabotaggio. Niente più letargia misteriosa.

Dal mio punto di vista, questa storia è comune.

Onestamente, penso che parlare con le tue parti sia meno strano che permettere agli aspetti nascosti della tua psiche di condurre la tua vita mentre vivi nella frustrazione.

Se ti piace questo articolo, metti il tuo like nella pagina Facebook per tenere il passo con tutti i post.

Se vuoi imparare i principi di questo articolo, prendi in considerazione il life coaching con iNLP Center. Clicca qui per saperne di più.