Jedi Mind. Gestione degli attacchi verbali

Attacchi Verbali

Conosciamo tutti la sensazione che proviene dalle critiche o dagli attacchi verbali. La risposta iniziale di shock, paura e rabbia sembrano essere preordinate. Mettersi sulla difensiva è la prima cosa che facciamo quando ci troviamo in questo stato. Una volta che queste emozioni ti rapiscono, il lato oscuro ti porta a trovare da ridire sul tuo aggressore. Chi è lui per parlare? Subito metti tutto nel calderone e poi fai di tutto per dimostrare la tua innocenza e le ovvie intenzioni malvagie del tuo accusatore. Questa danza dell’odio non è il posto giusto per un Jedi!

I Jedi capiscono che quando si tratta di gestire attacchi verbali, la maggior parte delle persone fa esattamente l’opposto di ciò che è utile.

Lasciamo stare questo aspetto per un attimo. Per stabilire un punto di partenza, classificheremo tutte le comunicazioni in sole quattro categorie. I Jedi non credono che questo modello sia veritiero. Oggi ci è però utile al nostro scopo. Ecco le quattro categorie.

1. Cerchiamo informazioni (porre domande)

2. Diamo informazioni (fare dichiarazioni)

3. Attacchiamo (dichiarazioni o domande aggressive)

4. Abbandoniamo (rifiutiamo di comunicare verbalmente)

La maggior parte delle persone, quando viene attaccata, risponde dando informazioni. Spesso, le informazioni fornite servono a dimostrare che chi ci attacca ha torto. Questo spesso ci si ritorce contro e serve per alimentare il fuoco dell’odio e della collusione del Lato Oscuro. Uno scenario tipico:

Moglie (al marito): sono davvero stufa di vederti spendere soldi senza il mio consenso. Stufa di questo! Non crescono sugli alberi i soldi, lo sai! Sei un uomo adulto. Smetti di comprare quegli stupidi fumetti! Per favore! Cresci adesso!

Marito: Beh, senti chi parla, la regina dell’abbronzatura spray da $ 50! Se hai intenzione di criticarmi per aver speso troppo, almeno potresti guardare i tuoi futili acquisti (attacco). E, per tua informazione, non ho comprato quei fumetti. Steve me li ha portati perchè io ne analizzi il valore. Sono a posto entro il budget concordato per i miei hobbies (dare informazioni). Dovresti saperlo dal momento che controlli il nostro conto in banca ogni momento (attacco).

Moglie: comunque sono stupidi hobbies. Stai a notare ogni volta che faccio una lampada, smettila di controllarmi, quindi cosa dovrei fare? Mi abbronzo e ti arrabbi. Smetto di fare le lampade e ti comporti come se non esistessi (inizia a piangere).

Marito: qualunque cosa sia, hai sempre ragione tu (attacco). Non ho fatto nulla di sbagliato (fornisce informazioni). Sei venuta qui per litigare e ora stai cercando di farmi sentire in colpa (attacco lieve). Esce (abbandono).

Quest’uomo non è allenato nella comunicazione Jedi, quindi ha perso un’enorme opportunità per entrare in contatto con sua moglie che è la sua più grande sostenitrice. Solo una persona confusa lo farebbe. Certo, la maggior parte degli uomini è confusa durante gli attacchi verbali.

Questo marito, dopo essere stato attaccato, ha fatto due cose (come la maggior parte delle persone farebbe). Ha attaccato anche lui e ha dato informazioni. Lasciò fuori dallo scenario l’unica cosa che avrebbe potuto salvarlo, cioè cercare informazioni.

Se questo povero ragazzo fosse stato allenato in modalità Jedi, tutto sarebbe potuto andare in modo molto diverso, così:

Moglie: sono davvero stufa di vederti sempre spendere soldi. Stufa davvero! I soldi non crescono sugli alberi, lo sai! Sei un uomo adulto. Smetti di comprare quegli stupidi fumetti! Per favore! Cresci ora!

Marito: mancano soldi dal nostro conto? Non lo sapevo. Siamo rovinati? (cerca informazioni)

Moglie: eh? No! Non siamo rovinati (si calma un po’). Sono solo questi stupidi fumetti. Perché devi comprarli?

Marito: Oh, quelli. Li ha portati Steve. Non li ho comprati, sono stato molto attento al mio budget per gli hobbies.

Moglie: oh Scusa (molto più calma). Mi dispiace. E ‘stata solo una giornata stressante e sono preoccupata per il denaro in questo momento.

A questo punto, il marito è fuori dalla linea di fuoco e libero di sostenere sua moglie nel suo stress. Può fare domande, dare suggerimenti e fare un gran numero di cose per rimediare alla situazione. Un nuovo mondo si è aperto davanti a lui, solo perché sapeva cosa fare.

La regola è la seguente: durante gli attacchi verbali, quando vieni attaccato, cerca informazioni. Cercare informazioni di fronte a un attacco verbale consente all’aggressore di rilasciare l’energia repressa dietro l’attacco e lasciar andare la rabbia. Permette a colui che viene attaccato di capire cosa sta succedendo, prima di rispondere.

Certo, ci vuole pazienza di fronte ai tuoi istinti naturali, per riuscire a non rispondere con un contrattacco. A volte un contro-attacco è utile, ma non molto spesso. Esercitare la pazienza, gestire la tua mente e cercare di capire, dissipa qualsiasi attacco che valga la pena di lasciar andare.

Se desideri migliorare la tua capacità di comunicare quando ti senti attaccato o criticato, ti consigliamo di seguire i nostri corsi di sviluppo personale.   http://it.inlpcenter.org/prezzo speciale/